Le attività di sostenibilità

Il 2014, con la nascita di UnipolSai, è stato caratterizzato dalle attività di diffusione e consolidamento degli obiettivi e delle politiche di sostenibilità nella nuova compagnia, con particolare attenzione all’implementazione del Piano di Sostenibilità 2013-2015 reso pubblico nel corso dell’estate.

Il Piano si articola in 10 Politiche, ciascuna delle quali è collegata ad un obiettivo quantitativo da raggiungersi a fine Piano, monitorato semestralmente e pubblicamente rendicontato sul sito web di sostenibilità. Sostanziano queste Politiche 48 azioni e oltre 100 indicatori per monitorarne avanzamento ed efficacia, frutto del coinvolgimento dei cantieri che hanno redatto il Piano d’integrazione, del confronto con i Direttori e tutti i dirigenti con responsabilità di funzione, nonché con l’Alta Direzione.
Il Piano di Sostenibilità è stato prima approvato in Consiglio d’Amministrazione e, in seguito, presentato in sei incontri nelle principali città in cui ha sede il Gruppo, oltre a Palermo. In merito alle attività di rendicontazione, al fine di meglio corrispondere alle istanze degli stakeholders, ed in particolare a quelle degli investitori e delle agenzie di rating dedicate alla finanza SRI (Social Responsible Investing), si è definito di redigere due Bilanci di Sostenibilità.

Il Bilancio di Sostenibilità del Gruppo Unipol è stato completamente rivisto nella struttura secondo quanto previsto dallo Standard GRI4 e riorganizzato per ambiti di consolidamento, con l’introduzione delle schede descrittive delle principali società partecipate. È stato avviato il processo di definizione della matrice di materialità, con il coinvolgimento di tutti i direttori e i responsabili di funzione per l’identificazione dei temi strategici per l’organizzazione e con un’attività diretta di engagement sugli stakeholders di primo livello per l’individuazione delle loro priorità. Nel corso dei prossimi anni la matrice sarà affinata con il graduale coinvolgimento di tutti gli stakeholders e diverrà parte integrante dell’Osservatorio Rischi Emergenti e Reputazionali. Questo Bilancio è sottoposto ad “assurance” da parte della società di revisione PwC secondo lo Standard GRI4.

Il Bilancio di Sostenibilità di UnipolSai, in cui è sviluppata la descrizione delle attività dell’assicurazione e i principali indicatori di performance economiche, ambientali e sociali. Si tratta di un Bilancio “Zero” del primo anno di vita di UnipolSai in cui si effettua la fotografia al 31/12/2014. Nel corso dell’anno si è mantenuto un costante aggiornamento sulle attività che concorrono a sviluppare la sostenibilità nel Gruppo sul sito dedicato alla sostenibilità, appositamente sviluppato lo scorso anno, oltre che sulle pagine di riferimento sui siti aziendali.

Per rafforzare l’impegno per la sostenibilità ambientale è stato sottoscritto nel 2014 un Protocollo pluriennale con Legambiente che vede le due realtà affiancate in Bellezza Italia, una campagna per attuare azioni di recupero e riqualificazione di aree degradate del nostro Paese con l’obiettivo di restituirle alla fruizione dei cittadini. Nel corso dell’anno è stato realizzato l’intervento di Paestum che ha previsto la realizzazione di un sentiero che collega il sito archeologico, colonia greca del VII sec. a.C., con l’oasi dunale protetta.

Per rafforzare il proprio ruolo sociale è stato avviato il progetto di educazione all’identificazione, gestione e prevenzione del rischio, con l’obiettivo di migliorare la consapevolezza su questi temi e la conoscenza su meccanismi e strumenti assicurativi nella popolazione, con particolare attenzione ai più giovani. È stata avviata la rubrica Conoscere l’assicurazione, con la redazione quindicinale di articoli di approfondimento, e il progetto pilota su alcune scuole del percorso didattico “I casi della vita”. Il Gruppo ha contestualmente avviato un percorso di approfondimento sugli impatti della diffusione del gioco d’azzardo nel tessuto produttivo e culturale italiano.

La funzione sostenibilità ha anche svolto un ruolo di supporto verso le Direzioni aziendali nello sviluppo di progetti specifici con un alto valore sociale o ambientale, ed in particolare:

Infine, è importante segnalare che il Comitato per la Sostenibilità del Consiglio di Amministrazione ha esaminato e valutato durante l’intero anno il percorso seguito ed espresso le proprie valutazioni sul processo adottato e sulle principali scelte compiute in ambito sostenibilità dal Gruppo.